Workshop 2018

Il Workshop ha l’obiettivo di fornire gli strumenti più aggiornati e le procedure più avanzate per la progettazione architettonica, il rilievo, il design e per la loro visualizzazione, ovvero, per la divulgazione del progetto, dell’architettura e dei beni culturali. Il Workshop intende inoltre costituirsi come un osservatorio privilegiato sull’uso del Building Information Modeling (BIM) nella progettazione architettonica e sostenibile approfondendo sia gli aspetti tecnici che le nuove procedure previste dalle normative in itinere riguardanti questa nuova filosofia di organizzazione della rappresentazione del progetto.

Da una parte il Workshop focalizzerà l’attenzione sulla modellazione tridimensionale, la gestione delle immagini (statiche e dinamiche) con effetti visivi in post produzione e la rappresentazione mediante l’uso delle stampanti 3D: procedure che consentono un’efficace visualizzazione e comprensione dei processi progettuali e/o di recupero del riguardanti il patrimonio edilizio.

Dall’altra, il Workshop si occuperà di B.I.M. (Building Information Modeling), visto come una risorsa logica ed informativa, che colloca il progettista al centro del processo costruttivo, alla piccola, alla media ed alla grande scala. In questi ultimi anni, infatti, il progetto, dall’idea al collaudo, si è andato spezzettando articolando in una miriade di comparti spesso gestiti da professionisti diversi, con inevitabili problemi di coordinamento che incidono sui procedimenti progettuali scollegati tra loro, le cui decisioni ricadono, di volta in volta, sui nodi chiave della proposta, rallentandone il processo ed aggravandone notevolmente i costi. Anche il nuovo codice degli Appalti e delle concessioni all’art. 23 c.13 prevede la razionalizzazione delle attività di progettazione e delle connesse verifiche attraverso il progressivo uso di metodi e strumenti elettronici specifici quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture. Con la risorsa B.I.M. la rappresentazione può ritornare ad avere un ruolo primario nella gestione delle informazioni dell’intero progetto, i processi si potrebbero integrare, la collaboratività tra gli operatori del settore potrebbe aumentare, garantendo una maggiore qualità dell’opera realizzata secondo gli intenti progettuali. L’obiettivo è fornire una maggiore consapevolezza dei processi orientati al BIM  e delle possibilità che essi offrono e come un progettista deve rapportarsi con queste nuove modalità di gestione delle n-dimensionali informazioni di progetto.

 

Il Workshop del 2017

Il Workshop “3D Modeling & BIM” ha visto nel 2017 la terza edizione, tenuto presso la Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma il 19 e 20 aprile 2017, con la partecipazione di circa 500 uditori, tra studiosi, architetti, personale docente e studenti della Facoltà di Architettura.
L’Unione Italiana Disegno ha concesso il patrocinio per l’edizione 2017.

 

Struttura del Workshop 2018

Il Workshop ha lo scopo di raccogliere le ricerche e gli interessi intorno alla modellazione 3D, alle tecniche di visualizzazione ed al BIM in ambito nazionale ed internazionale. Per tale motivo avrà un doppio canale d’iscrizione: quello degli uditori, a cui può afferire a titolo gratuito il personale docente e gli studenti (con riconoscimento di CFU integrativi) della Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma e gli Architetti iscritti all’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia (con riconoscimenti di CFP); quello degli studiosi, previo invio di un paper valido come proposta per la presentazione orale con successivo inserimento negli atti del Workshop, ai quali verrà richiesta una quota d’iscrizione pari a 200 Euro (quale contributo per la realizzazione di una specifica apposita pubblicazione degli atti dotata di ISBN).

Gli atti saranno pubblicati dalla casa editrice DEI – Tipografia del Genio Edile, in formato digitale.

Il Workshop sarà organizzato per la parte di coordinamento scientifico dal Laboratorio di Studi Visuali e Digitali in Architettura del Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura della Sapienza Università di Roma, con l’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia per la parte del riconoscimento dei CFP.

 

Date ed articolazione del Workshop

Il Workshop sarà articolato in 2 giornate, 18-19 aprile 2018.

La mattina del primo giorno è prevista una sessione plenaria con i saluti delle autorità (Rettore o Pro Rettore della Sapienza, Preside della Facoltà di Architettura di Roma, Direttore del DiSDRA) e presentazione del Workshop da parte degli organizzatori. Ci saranno poi alcune relazioni ad inviti di esperti che forniranno un importante contributo teorico e professionale nei due principali settori in cui è articolato lo stesso Workshop.

Il primo pomeriggio e la seconda mattina saranno articolati nelle sessioni:

  • Tematiche connesse al BIM;
  • 3D Modeling;
  • 3D Capturing, 3D Modeling & BIM.

Le chair delle sottosezioni saranno tenute da docenti e studiosi con competenze nell’area della rappresentazione (appartenenti al Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura della Sapienza Università di Roma ed al Master in BIM) e/o esperti nelle materie trattate nel Workshop.

 

Selezione dei paper e lingue ufficiali del convegno

Le lingue ufficiali del convegno saranno l’italiano e l’inglese.

Il call for paper indirizzato agli studiosi sarà aperto dal 30 ottobre 2017 al 31 gennaio 2018, con la presentazione di un paper in italiano ed inglese composto al max da 3000 parole + 8 immagini (per ciascuna lingua).

I paper saranno sottoposti a una double blind review.

I full text dei paper dovranno essere inviati nel formato previsto nel template fornito dagli organizzatori ed in doppia lingua (italiano ed inglese) entro il 31 gennaio 2018.

L’accettazione dei paper sarà comunicata il 28 febbraio 2018.

La pubblicazione dei paper avverrà previa iscrizione al Workshop di almeno uno degli autori indicati nel paper stesso: l’iscrizione ha un costo di Euro 200.